S

Sanzione amministrativa
Una riduzione dell’importo del sostegno, che può estendersi all’intero ammontare, comportando l’esclusione dell’intero importo della domanda, ai sensi del Decreto del Ministero delle politiche agricole, alimentari, forestali (Mipaaf) del 25 gennaio 2017 e delle disposizioni attuative regionali.

Scambio interaziendale
Intervento consistente nello scambio e condivisione reciproca di conoscenze e buone pratiche tra le imprese destinatarie degli aiuti, rispetto ad una serie di fabbisogni rilevati inerenti un determinato comparto produttivo, effettuato all’interno del territorio regionale. 

Visite di aziende: intervento consistente nell’accrescimento delle conoscenze delle imprese destinatarie degli aiuti, rispetto ad una serie di fabbisogni rilevati inerenti un determinato comparto produttivo, attraverso l’acquisizione di buone pratiche sviluppate da realtà imprenditoriali operanti a livello europeo.

SIAN
Sistema Informativo Agricolo Nazionale.

S.P.A./S.T.A.
Servizio Territoriali del Dipartimento Agricoltura, Sviluppo Rurale ed Ambientale, distinti per provincie (Bari, Brindisi, Foggia, Lecce e Taranto). 

Soggetto Capofila
Uno dei partecipanti del gruppo di cooperazione che presenta una domanda di sostegno a cui gli altri partecipanti conferiscono, con un unico atto, un mandato collettivo speciale di rappresentanza. Il capofila presenta la domanda di sostegno in nome e per conto di tutti i soggetti partecipanti e assume la funzione di coordinamento generale. Il Capofila è l’interlocutore di riferimento con l’Amministrazione Regionale per tutti gli aspetti tecnici e amministrativi legati alle domande di sostegno e alle pratiche ammesse a finanziamento. In caso di ammissione a finanziamento, il Capofila presenta, in nome e per conto di tutti i soggetti partecipanti, le domande relative alle fasi e istanze successive. Il Capofila riceve il contributo pubblico e, con le modalità indicate rispettivamente nel mandato collettivo speciale di rappresentanza, trasferisce quota parte di tale contributo agli altri partecipanti.

Strategia di Sviluppo Locale (SSL)
Insieme coerente di operazioni rispondenti a obiettivi e bisogni locali, che si attua tramite la realizzazione di azioni relative agli ambiti tematici individuati, fra quelli indicati nella scheda di Misura 19 del PSR Puglia 2014-2020, e che contribuisce alla realizzazione della strategia dell'Unione per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva. La strategia di sviluppo locale è concepita ed eseguita da un Gruppo di azione locale e deve essere innovativa, integrata e multisettoriale.

Strategia nazionale per le aree interne (SNAI)
La SNAI è una strategia nazionale, contenuta anche nell’Accordo di Partenariato, finalizzata al rilancio delle aree interne, ovvero le zone del Paese più distanti dai grandi centri di agglomerazione e dai servizi di base (scuola, salute e mobilità).

Strumento equivalente
Documento alternativo al Piano di Gestione Forestale (PGF) che garantisce l’esecuzione degli interventi selvicolturali finanziati nel rispetto dei principi della gestione sostenibile delle foreste (definita dalla conferenza ministeriale sulla protezione delle foreste in Europa del 1993).

Superficie Agricola Totale (SAT)
Superficie complessivamente condotta in proprietà e/o affitto, come risultante dal fascicolo aziendale.

Superficie Agricola Utilizzata (SAU)
Superficie aziendale destinata all'utilizzo agricolo.

Superficie non agricola
Tutte le superfici non boscate e quelle che non rientrano nella definizione di terreno agricolo.  tutte le superfici periurbane ed extraurbane che nei Piani regolatori dei Comuni risultino con destinazione diversa da quella agricola (aree verdi, aree artigianali, industriali, ecc.). Sono esclusi i pascoli, i prati, i prati pascolo. Tra le superfici non agricole sono compresi gli incolti, definibili come superfici non in produzione negli ultimi due anni precedenti la presentazione della domanda di finanziamento.

Sviluppo dei prodotti agricoli
L’introduzione di tecnologie e procedure tese a sviluppare prodotti nuovi o di qualità superiore, ad aprire nuovi mercati soprattutto nel contesto della filiera corta.

Sviluppo locale di tipo partecipativo CLLD – SLTP
Lo sviluppo locale di tipo partecipativo, contribuisce direttamente allo sviluppo territoriale equilibrato delle zone rurali, uno degli obiettivi generali della politica di sviluppo rurale. Esso viene attuato attraverso lo sviluppo locale di tipo partecipativo (SLTP, il cui acronimo inglese è CLLD, community led local development), metodo per elaborare ed implementare strategie di sviluppo locale (SSL), basato sull’approccio bottom-up.